Collaborazioni, Senza categoria

Quattro chiacchiere con Carla

16176885_10211754417001856_651073633_nQuesta mattina il Sole splendeva. Tutto era chiaro, tutto era praticamente gelido. Via la tendina blu cobalto, ma oggi sì al pc (e a qualche biscotto, come sempre). Con un po’ di ritardo, lo ammetto, primo post del 2017.  Colgo al volo l’occasione per inaugurare e presentarvi la categoria Collaborazioni di bacio sul naso e la cosa, non posso nasconderlo, mi entusiasma per nulla poco! L’ho anticipato più volte, la mia idea è rendere questo blog, sperduto nell’oceano della Rete, vetrina degli interessi e delle passioni della sottoscritta, così come di ciò che ha lasciato un qualche tipo di segno nelle mie giornate quotidiane.
Internet ha la facoltà di connettere le persone, di far da ponte tra mondi meravigliosi così, navigando qua e là, sono giunta su quello di un’artista a tutto tondo che, di sicuro, non potrà lasciare indifferenti anche voi. La mia scoperta si chiama Carla. Un nome di sole due sillabe e lei tanto somigliante ad un elfo dei boschi o a quei personaggi propri della penna di Antoine de Saint-Exupéry.
Ho pensato di condividere con i miei lettori questa straordinaria conoscenza, anche grazie a lei che mi ha concesso l’onore e il piacere di collaborare con me rispondendo ad alcune domande per raccontarsi. Sono certa che non potrete fare a meno di apprezzare quanto questa donna costituisca uno scrigno di brillante, vivace e illimitata creatività.

Ciao, Carla! Presentaci il tuo percorso artistico-professionale, per esempio, come hai cominciato e quando hai scoperto che la tua strada fosse proprio l’arte?

16144080_10211754422401991_1872923865_nHo capito che la mia strada fosse l’arte poco dopo che mio papà ci ha improvvisamente lasciate. Avevo solo tredici anni. Un artista a trecentosessanta gradi che mi ha lasciato in eredità un grande desiderio: quello di esprimermi disegnando, senza parlare, e di arrivare dritto al cuore con la forza del colore. Ho conseguito il diploma di arte applicata presso l’Istituto d’arte di Torino, sezione Moda & Costume, indirizzo prettamente femminile. Un’esperienza rivelatasi bellissima, un vero insegnamento di vita che mi ha regalato una fantastica amicizia pluriventennale con le mie compagne, attualmente grandi amiche, oltre a tanta emozione insieme a loro. Ero incerta sul continuare il mio percorso artistico nel campo della moda o seguendo, invece, quello della pittura. Ho scelto la moda, forse rappresentava il percorso che, fra i due, avrebbe potuto darmi più sbocchi lavorativi.

Raccontaci brevemente la tua esperienza da fashion designer.

Dopo svariate esperienze in qualità di commessa, sono riuscita a fare ciò che più desideravo: la fashion designer. Ho lavorato per conto di aziende importanti nel settore sportswear formale/sportswear.
Creare un’idea e vederla indossata partendo da uno schizzo progettuale era decisamente luce per i miei occhi. Sono stata costretta a spostarmi dalla mia città per avere più esperienza possibile e crescere tanto professionalmente quanto personalmente e, per questa ragione, porto dietro di me un bagaglio di vita da condividere con i miei cari.
Purtroppo, dopo una decina di anni, questa strada professionale si è interrotta improvvisamente. La crisi economica non è mai stata clemente con nessuno.

Quale direzione ha preso la tua vita in seguito a questo cambiamento? Quando hai deciso di aprire un blog e cosa ti ha spinto a farlo?

12512576_435205433352760_4314277110764306644_nIn seguito, ho svolto vari lavori per vivere, nello specifico, mi occupavo di recluiting presso alcune banche. Tuttavia la noia incalzava e la fatica incombeva su di Carla. Mi sono detta “fai qualcosa!”, così ho deciso di aprire una pagina Facebook, un profilo Instagram e un blog, carlartestyle, dove ho racchiuso tutto: la mia arte, il mio stile, le mie illustrazioni. Non volevo concentrami su una sola cosa, mi sembrava di lasciare una parte di me in fondo ad una strada mai conclusa.

Cosa non dovrebbe mai mancare dal tuo guardaroba?

Nel mio guardaroba non sono mai mancati una t-shirt rigorosamente bianca e un paio di denim (forse più di uno). Amo questi due indumenti perché rappresentano la storia della moda, due pezzi basici capaci di trasformarsi nel tempo, nella forma e nel colore.

Di cosa ti occupi oggi?

img_9691Attualmente mi occupo solo della mia arte. Dipingo a mano t-shirt in tessuti 100% cotone scelti con cura e amore ed arricchisco i vostri denim rendendoli più luminosi e preziosi. Creare un marchio è tutt’altro che facile al giorno d’oggi ma è più semplice vivere di emozioni.

Non ti lasci sfuggire proprio nulla, tu dipingi anche borse!

Esatto, ho pensato anche alle vostre borse. Si tratta di borse in canvas che io chiamo “tote bags”, anch’esse dipinte a mano. Per me, la borsa è un accessorio da portare sempre dietro, capace di dar slancio alla tua figura e al tuo umore.12508995_434257070114263_7829825934025669910_n

Come mai la scelta di dipingere a mano in un’era digitale?

L’espressione “dipinto a mano” oggi può avere uno strano impatto, si può pensare a qualcosa di banale. Al contrario, ciò che non voglio è risultare banale, cerco infatti di illustrare la mia e la vostra vita con un’emozione diversa.

Le tue illustrazioni somigliano tanto a quelle che spesso ritroviamo tra le pagine dei libri di fiabe. Qual è lo scopo delle tue creazioni?

16118632_10211754426882103_1829697943_n

Viviamo in un mondo che ci appartiene sempre meno così, nel mio piccolo, vorrei creare un volo verso cieli più buoni. Non potrò restare tanto appesa ai miei fili e al mio palloncino, come Carolina, ma mi accontento di vivere una bella esperienza anche se questa durerà poco.

Chi è Carolina? Appare spesso nelle tue illustrazioni.

Carolina è Carla, grande e piccina. Prima di tutto è una donna con le sue fragilità, adora tutto ciò che si muove e fa rumore. Il suo mondo è a colori, non li ama tutti ma ce ne sono alcuni a cui è particolarmente affezionata, ad esempio il rosso che appare un po’ di qua e un po’ di là. È una donna a cui piace emozionarsi di continuo, accetta le sconfitte e le delusioni ma si rialza più forte di prima. Ha capito che non serve imbronciarsi se poi ad attenderla ci sarà sempre il suo tanto amato palloncino rosso da cui mai si separerà.

La tua più importante fonte di ispirazione?16128033_10211754414801801_2104502935_n

Senza ombra di dubbio Leo, mio figlio. La mia grande ragione di vita, un miscuglio di pace, amore, silenzio e confusione incontrollabile. Meravigliosa vita e ragione d’esistere. È Leo che stimola la mia arte e mi fa credere che la magia esiste davvero.

Cosa fa Carla nel tempo libero?

Amo correre. Senza la corsa non avrei conosciuto la grinta e la fatica, quella vera. Quando corro tutti i pensieri volano via, io e la corsa siamo sempre insieme come il pane e il burro.

Progetti per il futuro?
I miei progetti per il futuro? Sono tanti e dovranno anche essere abbastanza veloci, Carolina ha fretta di esprimersi e crescere.

Potete seguire e contattare Carla:
Sul suo blog: carlartestyle.com
Su Instagram: carlartestylee
Su Facebook: Carlartestyle

Vuoi collaborare con me? Trovi i miei contatti qui
Annunci

23 thoughts on “Quattro chiacchiere con Carla”

  1. Cosa dire…, “grande emozione”, anche qui non vorrei risultare banale, ma tu cara Anna sei riuscita a regalarmi una fantastica notte stellata. Ho ripercorso tutta la mia vita, da piccina e da grande☺️, e ti auguro con tutto il ❤️che tu possa esaudire il tuo sogno…Quello di diventare una grande giornalista piena di sentimenti preziosi. Ci sentiamo prestissimo. Notte notte 🙏❤️🌙✨

    1. Carissima Carla, grazie a te per questa bellissima opportunità e aver reso disponibile la tua storia ❤ Per me è stato un vero piacere e ti ringrazio per tutti i complimenti, giornalista è davvero un parolone, sei troppo buona,si sa, nella realtà le cose sono più difficili di quel che sembrano, ma a me piace semplicemente raccontarmi e raccontarvi! Un abbraccio di vero cuore ❤

    1. Si Lella, tutti siamo aiutati dall’era digitale.., ma io amo sempre di più la carta e una matita in mano, mi danno più sensibilità al movimento. Come i bimbi, quando sbaglio cancello con la gommina profumata, grazie!☺️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...